Login

  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow

Comunicato Stampa-Presentazione de 'Il Cerchio' N.73


Mai come oggi, collettivamente va compiuto lo sforzo della comprensione delle ragioni degli altri. Sulla base di tale condivisibile presupposto, il nuovo numero de Il Cerchio, la rivista napoletana di cultura e politica fondata e diretta da Giulio Rolando, invita i lettori a riflettere e a documentarsi su temi centrali al dibattito, proposti da diversi angoli di osservazione, ma sempre su un indiscutibile piano di qualità. La ricchezza delle argomentazioni è tale da rappresentare, comunque la si pensi, un sicuro arricchimento per ciascuno.
Il fascicolo, interamente costruito per fornire elementi a confronti seri e ragionamenti pacati, trae notevoli contributi dall’àmbito accademico. L’Università di Napoli e di Salerno nelle passate settimane hanno ospitato convegni su argomenti cruciali per il domani. La Rivista ne dà resoconto preciso pubblicando per intero la Lectio Magistralis del Presidente della Camera dei Deputati, Gianfranco Fini, che ha parlato di “Rappresentanza e governo nell’era della globalizzazione”, che ha fornito ai tanti convenuti, docenti e studenti, fondati elementi di ragionamento per una questione di vitale importanza per la nostra democrazia che sicuramente si è posta e che si riproporrà nel domani. E all’era della globalizzazione si aggancia anche la riflessione del Cav. Lav. Alfredo Diana, già Ministro dell’Agricoltura che per Il Cerchio ha steso una articolata riflessione sul nuovo colonialismo e sulla fame nel mondo.
Tante diverse riflessioni, ma sempre su temi di grande attualità e guardando al futuro. Cattedratici del valore di Valerio Tozzi e di Elio Palombi, dall’alto delle rispettive esperienze universitarie e professionali, intervengono su argomenti da ‘prima pagina’ quali le libertà religiose e l’accanimento terapeutico. Dalle aule dell’Orientale proviene invece il saggio di Cinzia Capristo che dà precisi ragguagli storici e prospettici sui rapporti della Cina con Napoli.
Come è proprio di una rivista che si pensa e si scrive a Napoli, il sommario diffusamente si allarga sul Mezzogiorno nel solco, ancora una volta, della più alta scuola di pensiero, quella di Compagna e di Galasso e poi, ancora, il discorso cade ineluttabilmente sul destino del Banco di Napoli con un articolo di Antonio Falconio che ne ricostruisce con puntualità le recenti vicende e una riflessione di Mimmo Della Corte che, da parte sua e dell’ intera redazione della Rivista, porge un saluto di benvenuto alla nuova banca del Ministro Tremonti, auspicandone il successo per le migliori sorti del Sud. Dall’economia alla poesia il passo non è breve. Epperò parlando di Mezzogiorno non si può tralasciare il riferimento alla poetica nuova fatica di Maria Orsini Natale. Della scrittrice vesuvia le pagine de 'Il Cerchio' propongono in anteprima un racconto autobiografico recitato a braccio dalla ‘mamma’ di Francesca e Nunziata in occasione della presentazione del suo libro-intervista di Gioconda Marinelli. L’ “Osservatorio Letterario” è arricchito dai saggi di Salvatore Maria Sergio su Hemingway e di Aurora Cacopardo su Gadda e la sua tesi della giustizia ingiusta, a dimostrazione che anche dalle pagine letterarie si possono trarre preziosi spunti di riflessione sull’attualità.
Al centro del fascicolo –normale per una Rivista che è aperta la confronto, ma che non rinuncia alla propria storia e alla propria memoria- Adalberto Baldoni, intervistato da Giulio Rolando, e Luigi Argiulo trasmettono la memoria di un passato da non dimenticare parlando della nascita del MSI e della mirade di riviste attraverso le quali si espresse il pensiero spesso soffocato della cultura di destra.Nel capitolo conclusivo, le pagine dedicate al Futurismo. Ci sono voluti cent’anni –scrive Rolando nel presentare l’inserto speciale “Da Napoli a Scanno e oltre…Relazioni, Cronache, Corrispondenze nel Centenario del Manifesto” perché si tornasse a parlare con rispetto della maggiore avanguardia non solo italiana di ogni tempo. Hanno dato senso pieno all’affermazione dell’editoriale Pierfranco Bruni, Rosemary Jadicicco, Anna Maria Liberatore Sabini, Massimo Scalfati, reduci dal Premio Scanno-Riccardo Tanturri, Ugo Carughi con il suo saggio “Attualità del Futurismo” e Paolo Riario Sforza con la rarità delle immagini ricercate che impreziosiscono un fascicolo curato nei dettagli.
 

Il Cerchio-Anno XV-Ottobre/Dicembre 2009 N.73


Da oggi interamente consultabile su www.cerchionapoli.it e gratuitamente scaricabile
.

Gli Autori di questo fascicolo sono citati e ringraziati in quarta di copertina.

Il 22 dicembre prossimo alle ore 17.00 l’ “Incontro con gli Autori” de IL CERCHIO
avrà luogo presso il Circolo Ufficiali della Marina Militare -Via Cesario Console 3/bis

-Nella prestigiosa sede seguirà un brindisi e lo scambio degli auguri per le prossime festività
-

Questo sito web utilizza i cookie. Utilizziamo i cookie per personalizzare la tua esperienza utente e per studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Acconsenti ai nostri cookie se continui ad utilizzare questo sito web. Per saperne di più sui cookies che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Cookie Policy.

Io accetto i cookies di questo sito.